Il paesaggio che si affaccia sulle coste e sulle colline della nostra regione Calabria è un rincorrersi di rilievi dai profili ora aspri ora dolcissimi, dove l'ulivo è bosco antico che disputa lo spazio ai vigneti, ai frutteti.

Qui l'ulivo non è soltanto un mare di verde argenteo che vibra sotto il sole mediterraneo: è tradizione che si perde nella leggenda, tramandata di generazione in generazione con l'amore e il rispetto che merita per i frutti preziosi di cui é prodigio.

La vocazione olivicola di questa terra si esprime nella coltivazione di varietà locali pregiate, nella cura meticolosa della lavorazione delle olive secondo esperienze ataviche per valorizzare la tradizione di una produzione tipica, conosciuta ed apprezzata dagli intenditori.

Questa è l'eredità che la famiglia Sagario ha raccolto con l'impegno di mantenere vive le regole di un'arte difficile e sapiente. Puntare sulla qualità per Sagario significa coltivare gli ulivi con tutte le cure che consentono di ottenere un'elevata, costante redditività; raccogliere i frutti a tempo giusto, a mano; selezionare le varietà e le parti con competenza; lavorare abbinando sistemi artigianali con l'impiego di tecnologie avanzate che assicurano i massimi livelli di igienicità, una produzione affidabile e di alto livello.

La vocazione alle cose buone dell'oleificio Sagario ha dato origine ad una gamma di oli biologici, extra vergini di oliva e di oliva, prodotti secondo un'arte difficile e sapiente per soddisfare i palati più diversi e le più diverse abitudini gastronomiche.

L'olio del frantoio Sagario nasce da olive di varietà pregiate raccolte a corretta maturazione, sane, a polpa compatta, provenienti dalle colline del nord della Calabria. Le olive, arrivate nello stabilimento, vengono sottoposte ad un accurato controllo e passate alla lavorazione, utilizzando impianti modernissimi, i frutti vengono selezionati dalle foglie, lavati in acqua limpida, asciugati ed avviati alla frangitura; dopo la fase di molitura la pasta ottenuta rimane in vasche di acciaio inox dove viene gramolata e, dopo aver liberato tutte le particelle oleose, viene avviata alla centrifugazione;

in questa fase, a freddo, senza l'aggiunta di acqua, sfruttando solo la forza centrifuga con il sistema integrale a due fasi, l'olio (mosto) viene estratto dalla massa e, attraverso apposite tubazioni, convogliato e depositato in cisterne d'acciaio sistemate in un locale a temperatura costante.

Passato qui un certo periodo di naturale decantazione, l'olio viene sottoposto a filtrazione attraverso una tela di cotone, operazione necessaria per depurarlo da tutti i residui senza però privarlo dell'aspetto opaco e velato tipico degli oli nobili.

A questo punto l'olio del frantoio Sagario è pronto per essere confezionato con impianti di imbottigliamento ad alta tecnologia in contenitori di vetro e lattine di varie capacità e forme ed immesso sul mercato con una vestizione piacevole e accattivante ed un marchio che ne sottolinea la genuinità e la qualità irreprensibile.